Condividi:

Erbazzone: la ricetta Tradizionale Emiliano-Romagnola

L’erbazzone è una torta salata tipica di Reggio Emilia, a base di spinaci e verdure fresche. Se sei alla ricerca della ricetta tradizionale per fare l’erbazzone come si prepara in Emilia-Romagna, sei nel posto giusto!

1,0
Rated 1,0 out of 5
1,0 out of 5 stars (based on 1 review)

Condividi su:

Facebook
WhatsApp

Introduzione

L’erbazzone è una ricetta tipica della regione Emilia-Romagna, precisamente una ricetta reggiana, dove viene preparato da secoli con le verdure di stagione. Si dice che questa torta salata sia nata come modo per utilizzare gli spinaci e le verdure avanzate, creando così un piatto economico e sostanzioso.

L’erbazzone era originariamente considerato un piatto povero, ma con il passare del tempo è diventato uno dei piatti più amati della regione. Oggi, l’erbazzone viene preparato in molte varianti, con l’aggiunta di ingredienti come il prosciutto cotto o il formaggio, ma la ricetta originale prevede solo spinaci e verdure fresche.

Nonostante le sue origini umili, l’erbazzone è un piatto molto apprezzato e apprezzato in Emilia-Romagna e in tutta Italia, dove è considerato un vero e proprio simbolo della tradizione culinaria della regione.

Preparazione

Step 1

Prepara gli spinaci. Lava gli spinaci e cuocili in acqua bollente salata per qualche minuto, finché non saranno morbidi. Scolali e strizzali bene per eliminare l’acqua in eccesso.

Step 2

Prepara il ripieno. In una padella, fai soffriggere la cipolla, la carota e il sedano tritati con il burro. Quando le verdure saranno dorate, aggiungi gli spinaci lessati e strizzati, mescolando bene il tutto.

Step 3

Unisci gli ingredienti. Aggiungi il parmigiano grattugiato, le uova sbattute, sale e pepe al composto di spinaci e mescola ancora.

Step 4

Prepara l’erbazzone. Prendi una teglia rotonda e foderala con la pasta sfoglia, facendo in modo che i bordi siano alti. Versa il composto di spinaci nella teglia e livella la superficie. Copri l’erbazzone con un altro disco di pasta sfoglia e sigilla bene i bordi.

Step 5

Inforna l’erbazzone a 180°C per circa 30 minuti, o finché la pasta sfoglia sarà dorata. Una volta cotto, lascia raffreddare.

Step 6

Una volta che l’erbazzone è stato cotto e si è raffreddato, puoi servirlo. Taglia l’erbazzone in fette e servilo come piatto unico o come contorno per il tuo pranzo o la tua cena. Buon appetito!

Porzioni e calorie

Ogni porzione dovrebbe fornire circa 200-250 calorie, a seconda delle dimensioni e degli ingredienti utilizzati nella preparazione. Si consiglia di tagliare la pasta sfoglia ripiena in 8-10 porzioni e di servirne una per persona come antipasto o contorno.

Per tenere sotto controllo l’apporto calorico della ricetta, è importante porzionare correttamente la preparazione.

Dove è nato l’erbazzone?

L’erbazzone reggiano è nato a Reggio Emilia.  

Si pensa che risalga al Medioevo, quando era un piatto povero cucinato dalle contadine della campagna emiliana utilizzando gli ingredienti a disposizione. Il termine “erbazzone” deriva dalla parola “erbé” che significa “erbetta” in dialetto reggiano e si riferisce alla presenza di verdure nella ricetta.

L’erbazzone è quindi un piatto rustico che riflette la tradizione contadina della zona e che è stato tramandato di generazione in generazione. 

Dove si mangia l’erbazzone?

L’erbazzone reggiano si mangia in tutta l’Emilia Romagna, in particolare nella provincia di Reggio Emilia.

Tuttavia, per assaporare l’autentico sapore dell’erbazzone reggiano, è consigliabile recarsi direttamente nelle osterie e nelle cascine della campagna emiliana. In queste tipiche locande, infatti, è possibile gustare l’erbazzone fatto in casa con ingredienti freschi e genuini, come spinaci, bietole, cipolle, parmigiano e pancetta.

Tra le osterie più famose dove si può mangiare l’erbazzone reggiano ci sono l’Osteria del Ghiotto a Reggio Emilia, la Trattoria della Buca a Cavriago e la Locanda la Campagnola a Coviolo.

Come cuocere l’erbazzone surgelato?

Per cuocere l’erbazzone surgelato, è consigliabile scongelare l’erbazzone per almeno un’ora a temperatura ambiente o per qualche minuto nel forno a microonde.

Lo sapevi che puoi scongelare anche usando la friggitrice ad aria? 

Leggi qui l’articolo completo su come fare

In questo modo, la pasta sfoglia si ammorbidirà e le verdure e i formaggi si scongeleranno uniformemente.

Una volta scongelato, l’erbazzone può essere cotto in forno a 180 gradi per circa 20-25 minuti, fino a quando la pasta sfoglia non sarà dorata e croccante. È possibile spennellare la superficie con un po’ di uovo battuto per conferire alla pasta sfoglia un aspetto lucido e dorato. 

Consigli per la preparazione

  • Per una versione vegana dell’erbazzone, puoi sostituire il burro con dell’olio extravergine di oliva.

 

  • Se non hai a disposizione gli spinaci freschi, puoi usare gli spinaci surgelati. In questo caso, scongelali per bene prima di utilizzarli.

Ingredienti

Informazioni

Rated 1,0 out of 5
Dicembre 16, 2023

NO! L’erbazzone non ha sedano e carote, la sfoglia non è come quella in foto! Parola di reggiana.

Anonymous

Ultime ricette